Instagram consente agli utenti di inviare direttamente le storie a WhatsApp.

Lo scorso ottobre, Facebook ha esteso l’utilizzo delle IG Stories – la funzione simile a Snapchat che consente di mettere insieme foto e video in una presentazione – rendendo semplice per inviare direttamente una storia su Facebook.

Ora Facebook sta guardando come portare WhatsApp all’apice.

Diversi articoli confermano che la società è ora in esecuzione di un test per permettere agli utenti di pubblicare le loro storie Instagram direttamente su WhatsApp, come uno status, caratteristica simile a Snapchat in cui possono essere pubblicate foto decorate, video e GIF con crittografia, scomparendo dopo 24 ore.

Anche una storia di Instagram pubblicata come stato di WhatsApp viene crittografata come il resto di Whatsapp.

“Stiamo sempre testando modi per migliorare l’esperienza su Instagram e rendere più facile condividere ogni momento con le persone che contano per te”, ha detto un portavoce.”

Da quello che capiamo, la funzione è attualmente in fase di test con un piccolo numero di utenti.

Gli utenti hanno a disposizione un’opzione da cliccare per condividere su WhatsApp attraverso la schermata di Instagram.

In un blog brasiliano è stata pubblicata una nota nella quale sono presenti due schermate; una instagram stories a sinistra e uno status di WhatsApp a destra (dove notare l’icona di Instagram in basso a destra):

Il testo rappresentato nello screen precedente, è stato provato in Portogallo. 

Sono diversi i motivi per i quali Facebook potrebbe essere interessata a rendere le storie di Instagram più condivisibili e in particolare su WhatsApp.

Uno di questi sembra abbastanza chiaro; dare più funzionalità e quindi più utilizzo delle IG Stories, che sono già di suo popolari e che lo scorso giugno stavano superando l’uso del prodotto stesso Snapchat, che inizialmente erano stati progettate come clone.

Alcuni dati dicono che lo scorso novembre c’erano più di 300 milioni di utenti attivi al giorno con le Instagram Stories.

Aggiungere la possibilità di condividere facilmente le IG Stories su WhatsApp come status significherebbe generare traffico, specialmente in quei paese dove WhatsApp è molto popolare e supera l’utilizzo di Facebook o della sua app Messenger.

La seconda ragione potrebbe essere quella di contribuire a stimolare un maggiore utilizzo dello stato di WhatsApp.

Questo è apparentemente il motivo per cui Facebook ha abilitato la condivisione di Instagram Stories su Facebook.


La relativa popolarità di tutte queste app e caratteristiche è anche uno svantaggio della funzione di cross-posting: inevitabilmente, ci saranno persone che le useranno tutte, il che potrebbe portare ad annoiare le persone vedendo sempre lo stesso contenuto ovunque guardino.
Idealmente, Facebook sta anche lavorando su un modo per calibrare le storie, in modo che se hai già visto una sola app, come Instagram, la stessa cosa esatta non verrà più visualizzata per te in una storia di Facebook e poi in uno stato di WhatsApp .

Il terzo (e forse il più interessante) motivo per testare questa funzionalità è che Facebook ha costantemente lavorato su modi non solo di estendere il tempo trascorso in app specifiche, ma anche su come far conoscere meglio le persone da un’app di Facebook a un’altra, incoraggiando utilizzo anche quando le app non sono aperte.

Lo scorso maggio, la società ha iniziato a testare le notifiche cross-app tra Facebook, Messenger e Instagram per avvisare le persone quando avevano menzioni o messaggi in ognuna di esse.

E il mese scorso, Facebook ha lanciato un pulsante di messaggistica click-to-WhatsApp negli annunci di Facebook, monetizzando WhatsApp ma non su WhatsApp.

La pubblicazione di Stories tra Instagram e WhatsApp è notevole perché offre un po più di social media a WhatsApp, che Facebook ha acquisito nel 2014 per $ 19 miliardi con l’esplicita promessa che sarebbe rimasta indipendente da Facebook.

In realtà, la nuova funzionalità testata evita completamente le app di punta di Facebook.

Insieme, tutto questo potrebbe aiutare Facebook a far crescere il suo impegno generale e il suo impatto sul traffico.

Al contrario, potrebbe anche scrivere un altro modo per destabilizzare Snapchat e potenzialmente qualsiasi altra app che abbia un’infrastruttura minore per mantenere il tuo contenuto visibile alle persone che conosci, a prescindere dall’app che utilizzano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *